top of page

26 Maggio 2022: Conferenza prof.ssa Patrizia Caraveo

Aggiornamento: 26 feb 2023

" Le stelle raccontano... impariamo ad ascoltarle"


Massima partecipazione e sala gremita per la prima di una importante serie di incontri culturali con personaggi di fama internazionale a cura dell' OICL e di ARYA.


Ospite la dott.ssa PATRIZIA CARAVEO, introdotta da:


- Ing. FRANCO CAPPIELLO (Ministro Affari Generali OICL).

- Dott. WALTER RIVA (Direttore Osservatorio Astronomico Righi, Genova).

- Dott. ANTONIO LO CAMPO (Giornalista, Direttore Sez. Aerospaziale "Cosmo").


INFORMAZIONI SULLA RELATRICE:


Patrizia Caraveo è la moglie del fisico Giovanni Bignami, accademico di livello internazionale ed ex Presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana, scomparso nel 2017.

Nata nell’aprile del 1954, si è laureata in Fisica a Milano e, dopo un periodo all’estero, è diventata ricercatrice all’Istituto di Fisica Cosmica e del CNR. Dal 2002 è direttrice dell’Istituto di Astrofisica Spaziale e Fisica Cosmica (INAF) e ha collaborato a diverse missioni spaziali europee e della NASA. È stata tra i primi a capire il ruolo fondamentale delle stelle di neutroni nell’astrofisica delle alte energie. Durante gli anni di ricerca sull’identificazione della sorgente “Geminga” (riconosciuta come la prima pulsar senza emissione radio), ha messo a punto una strategia per l’identificazione delle sorgenti gamma galattiche. È membro dell’Unione Astronomica Internazionale e, dal 1997, è docente all’Università di Pavia.

In campo scientifico, si è dedicata all’interpretazione dei dati di astronomia gamma (raccolti dal satellite Cos-B) e di astronomia X (raccolti da Einstein e da EXOSAT). Accanto all'identificazione ottica ed allo studio dei colori di quasi tutte le stelle di neutroni, Patrizia Caraveo ed il suo gruppo si sono impegnati alla misura dei loro moti propri e delle loro distanze, insieme alla relazione tra stelle di neutroni giovani e resti di supernovae. Utilizzando il telescopio XMM-Newton, la Caraveo ha contribuito alla prima misura diretta del campo magnetico di una stella di neutroni isolata.

L’astrofisica ha fatto parte dell’Astronomy Working Group dell’ESA, ha contribuito allo studio ed alla selezione delle nuove missioni ed è responsabile del contratto ASI [mirato al finanziamento delle attività legate alla missione GLAST (ora Fermi) della NASA]. Attualmente, è anche responsabile per la partecipazione INAF al Cherenkov Telescope Array.

Autrice di cinque importanti saggi di successo, Patrizia Caraveo è Commendatore dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana (2016) e detentrice di numerosi premi, tra i quali l’American Astronomical Society (nel 2007 – 2011 e 2012); il Premio Nazionale Presidente della Repubblica (2009); l’Outstanding Achievement Award (2014), etc.

È stata inserita nell’elenco delle 100 esperte in area STEM nell’ambito del progetto "100 donne contro gli stereotipi per la Scienza".


36 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page